Normativa

Questa sezione contiene la normativa generale di riferimento per i sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie e quella specifica riguardante il settore dei servizi bancari e finanziari e, in particolare, il funzionamento del sistema dell'Arbitro Bancario Finanziario.

Normativa dell'Unione europea e nazionale

A livello europeo rilevano:

  • la direttiva 2013/11/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 maggio 2013 sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori (c.d. direttiva sull'ADR per i consumatori)
  • il regolamento UE n. 524/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 maggio 2013 relativo alla risoluzione delle controversie online dei consumatori (c.d. regolamento sull'ODR per i consumatori)
  • la Raccomandazione della Commissione Europea del 30 marzo 1998 riguardante i principi applicabili agli organi responsabili per la risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di consumo (98/257/CE).

Sul piano nazionale rilevano:

  • il Testo unico bancario (TUB) e in particolare il Titolo VI, che disciplina la materia della trasparenza delle condizioni contrattuali e dei rapporti con i clienti, e prevede l'istituzione di sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie insorte tra intermediari e clienti (art. 128-bis)
  • il d.lgs. 6 agosto 2015, n. 130 (di attuazione della direttiva 2013/11/UE sull'ADR per i consumatori)
  • le disposizioni della Banca d'Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e di correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti
  • la delibera del CICR n. 275 del 29 luglio 2008 che ha stabilito i criteri per lo svolgimento delle procedure di risoluzione stragiudiziale delle controversie e ha affidato alla Banca d'Italia il compito di curarne l'organizzazione e il funzionamento.

Funzionamento dell'ABF

La disciplina di dettaglio sul funzionamento del sistema ABF e sulla procedura di ricorso è contenuta nelle disposizioni della Banca d'Italia del 18 giugno 2009 (aggiornate a novembre 2016).

Completano il quadro normativo di riferimento:

  • il regolamento per il funzionamento dell'Organo decidente dell'ABF
  • il codice deontologico che individua i valori e i principi fondamentali e stabilisce le regole di comportamento per i componenti dei Collegi
  • la tabella dei compensi spettanti ai componenti dei Collegi.